Massimiliano Gioni, direttore del settore arti visive per la 55esima Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia

Massimiliano Gioni, direttore del settore arti visive per la 55esima Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia

Il consiglio di amministrazione della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, ha nominato Massimiliano Gioni direttore del settore arti visive, con l’incarico di curare la 55esima Esposizione Internazionale d’Arte che si terrà nel giugno del 2013.

Gioni, critico d’arte e curatore, è il direttore artistico della Fondazione Nicola Trussardi dal 2003, per la quale ha curato numerosi mostre negli spazi monumentali e storici della città di Milano con artisti internazionali tra cui Pipilotti Rist, Paul McCarthy, Tacita Dean, Tino Sehgal, Peter Fischli e David Weiss, Maurizio Cattelan, Martin Creed, Urs Fischer, John Bock, Pawel Althamer, Michael Elmgreen & Ingar Dragset, Anri Sala, Darren Almond e Paola Pivi. E’ stato curatore della sezione ‘La Zona’ alla Biennale di Venezia del 2003 e co-curatore della Biennale itinerante d’arte contemporanea ‘Manifesta 5′, inaugurata a giugno del 2004, a San Sebastian, in Spagna. Ha fatto parte del team di curatori di ‘Monument To Now’, la presentazione della collezione Dakis Joannou ad Atene in occasione delle Olimpiadi del 2004, ed è stato co-curatore della 4° Biennale di Berlino insieme a Maurizio Cattelan e Ali Subotnick.

Nell’autunno 2010 stato nominato associate director e director of exhibitions del New Museum of Contemporary Art di New York, per il quale ha co-curato la mostra inaugurale ‘Unmonumental’ e la triennale ‘Younger Than Jesus’ e curato ‘After Nature’ (2008), ‘Urs Fischer: Marguerite de Ponty’ (2009), ‘The Imaginary Museum: Dakis Joannou Collection’ (2010). È stato Direttore Artistico dell’ultima Biennale di Gwangju (Corea), che si è svolta dal 3 settembre al 7 novembre 2010 con il titolo ‘10,000 Lives’. Insieme a Maurizio Cattelan e Ali Subotnick ha fondato a New York la galleria no-profit The Wrong Gallery che è stata trasferita nella collezione permanente della Tate Modern. La Wrong Gallery ha prodotto le pubblicazioni Charley e The Wrong Times. Ha collaborato con numerose istituzioni in Italia e all’estero tra cui il Ps1/Moma di New York, Les Museés de la Ville di Parigi, il Museum in Progress di Vienna, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino e Pitti Immagine di Firenze. Inviato a New York della rivista internazionale Flash Art, dal 1998 al 2002, Massimiliano Gioni è autore di numerosi testi e pubblicazioni scientifiche.

Ha partecipato a numerosi convegni e dibatti sull’arte contemporanea presso università e musei, tra cui: New York University, NY; School of Visual Arts, NY; Walker Art Center, Minneapolis; Yale University, New Haven.

Iscriviti alla newsletter

Ricevi ogni settimana le principali news su cambi di poltrona, comunicazione e marketing